Arduino e la Nebbia

Am ciàm Arduino e a sòn dal trentasètt.

Quand che a jéra zòan as gudéan, mi e i mié amìgh, a còrar in mèz a la péza.

D’il vòlt as lugàvan, mi Giuàn, Roberto e cl’àsan ad Franchino, ssòta i’arbùl ad Bartòld e pò, so d’sira, ag purtàvan via soquanti mugnagh.

E po’ dòp as duènta òman, che t’at n’incòrzi gnanc.

E po’ dòp as duènta vèc, che t’at n’incòrzi gnanc.

E piàn piàn at vànzi da par tì, però lì t’at n’incòrzi, parchè at ciàcari. Ma an gh’è più nisùn a dàrt indrè la vòs.

Elòra mi a m’aliév bunòra, am vastìs e a vàg a caminàr ins’la cavdàgna, coi piè ch’i fa ciucàr la galiverna.

L’am piàs la nebia. Am pàr ad sintìr Giuàn, Roberto e cl’àsan ad Franchino. Am pàr ad sintìr l’udòr d’il mugnagh.

 _MG_1659-Modifica

(Mi chiamo Arduino e sono del trentasette.

Quando ero giovane ci divertivamo, io e i miei amici, a correre per i campi.

A volte ci nascondevamo, io, Giovanni, Roberto e quel somaro di Franchino, sotto gli alberi di Bertoldo e poi, al tramonto, gli rubavamo delle albicocche.

E poi si diventa uomini, che non te ne accorgi neanche.

E poi si diventa vecchi, che non te ne accorgi neanche.

E piano piano rimani da solo, però lì te ne accorgi perchè chiacchieri. Ma non c’è più nessuno a risponderti.

Allora io mi alzo presto, mi vesto e vado a camminare sulla stradina di campagna, coi piedi che fanno scrocchiare la brina.

Mi piace la nebbia. Mi pare di sentire Giovanni, Roberto e quel somaro di Franchino. Mi pare di sentire l’odore delle albicocche.)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...