Canon 6D VS Nikon D600

Se ne sente proprio il bisogno eh di una comparativa tra macchine fotografiche.
Chissenefrega, io la faccio.
Tra Nikon d600 e Canon 6d

Costruzione ed ergonomia:
Siamo circa pari. La d600 sembra costruita con materiali leggermente migliori e da una sensazione di solidità leggermente migliore, anche le ghiere “gommose” tipiche di Nikon contribuiscono. In realtà l’anima di lega di magnesio è invece maggiore nella 6d che vede l’unica parte “scoperta” nella calotta, probabilmente per non isolarla e poter far uscire il segnale GPS e il wi-fi.
La 6d ha gomme leggermente più ruvide e da l’impressione di avere meno tasti, invece sono praticamente lo stesso numero, solo che sono disposti in maniera differente. Canon li ha sulla spalla, vicino al tasto di scatto, Nikon sulla sinistra nel dorso, a lato del monitor lcd. Peso e ingombro sono pressochè identici, per l’ergonomia dipende dalla mano che le impugna.
Se i tasti a lato del monitor sono estremamente comodi durante la visione delle foto trovo che siano decisamente più razionali posti in alto invece, perché la mano sinistra che regge l’ottica non può lasciarla per andare a cercare il tasto ISO infilato in un angolo e poco raggiungibile.
La d600 permette di alloggiare 2 schede SD, la Canon 6d solo una. Differenza inutile finchè non vi si fotte una scheda.
La d600 ha un jog apposito per cambiare i punti di maf, mentre la 6d fa tutto col tasto rotellone posteriore, che permette di avere molte funzionalità nello stesso posto. Trovo più comodo avere tutto li, anche perché è posizionato in modo che anche con un battery grip sia facilmente raggiungibile.

AF:
Nikon è un passo avanti in questa comparativa. I 39 punti anche se piuttosto centrali sono reattivi e molto precisi. Il modulo è decisamente più raffinato e con i dovuti accorgimenti permette anche di fare fotografia sportiva e naturalistica di buon livello. Ha anche la possibilità di utilizzare le aree dinamiche o di usare solo 11 dei 39 punti. Praticamente è molto personalizzabile e selezionare i diversi metodi AF è molto comodo grazie al selettore.
La 6d ha solo 11 punti di cui solamente il centrale a croce (quindi molto sensibile) ma permette di mettere a fuoco con -3EV, in sostanza praticamente al buio, caratteristica questa che fa la differenza durante le fotografie di Live Music, a volte di matrimonio e in situazioni particolari. Molto meno adatta per lo sport però, l’AF servo non è reattivo come l’AF-C di Nikon e quando si cambia la modalità non compare nell’oculare, quindi bisogna staccare l’occhio e controllare nel monitor a spalla che modalità si è inserita. Una piccola cosa ma abbastanza scomoda per chi fa certi generi (non io ad esempio).

Sensore:
Il Sony da 24Mpx di Nikon ha una qualità globalmente lievemente più alta del 20Mpx montato da Canon, ma la differenza è quasi impercettibile. Canon risulta lievissimamente meno rumorosa dai 1600iso in su in compenso. Personalmente preferisco un sensore da 20Mpx che produce fotografie praticamente identiche ma con un minor peso e più agili da lavorare in post produzione, anche se il sensore Sony riesce a dare un recupero delle ombre e una gamma dinamica a mio avviso più ampia. Molto comodo per gli amanti del paesaggio che non ce la fanno proprio a non farlo sembrare un quadro impressionistico, molto meno utile per chi usa molte fotografie e software di elaborazione specifici. Un TIFF generato da un RAW da 20Mpx non pesa come uno generato da uno da 24 e se ci si devono lavorare molte foto la differenza si sente.

Automatismi:
ho trovato l’awb di Canon più preciso, gli esposimetri sono diversi. Il Nikon tende a sovraesporre un po’ (circa mezzo stop) mentre il Canon mi pare più realistico. In ogni caso in Nikon c’è la possibilità di tarare l’esposimetro in modo da farlo sottoesporre. E’ un classico comunque di Nikon sovraesporre un po’ per facilitare l’esposizione a destra e il recupero dei dettagli nelle basse luci, anche se a volte questo significa bruciare qualcosina in caso di fotografie che contengano una latitudine di posa troppo ampia per la macchina.
La gestione dell’iso auto è molto simile.
Come menù ho trovato più completi quelli di Nikon e anche più facili da navigare. Permettono comunque una personalizzazione leggermente più completa.

Flash e TTL:
Il TTL Nikon è uno dei fiori all’occhiello della casa e si vede. Anche solo un sb700 è costruito meglio di un ex430II e la precisione della lettura esposimetrica mi pare più affidabile. C’è anche la possibilità di gestire vari flash in modalità creative ma stiamo parlando di una cosa dedicata a chi fa un certo genere. Certo che tirarsela a canna sul lato flash e mettere un tempo sincro massimo di 1/180 (1/200 produce una lineetta nera in basso) mi pare un controsenso ma io sono un cazzone mentre loro lo sapranno il perché. Credo.

Dotazione accessoria:
Canon con il GPS integrato e il wi-fi integrato sfascia Nikon in questo.
Il GPS personalmente non lo uso, mentre il wi-fi permette di controllare la macchina in remoto attraverso uno smartphone, o di scaricare le foto senza staccare la schedina ecc. ecc. Sembrano piccole cose ma sono estremamente innovative. Anche io credevo che il wi-fi fosse una tecnominchiata prima di andare a fare street con la macchina al collo e fotografando attraverso il cellulare su cui vedevo quello che vedeva la macchina.

Altro:
Canon al momento non ha avuto alcun problema particolare, mentre la Nikon d600 ha lo spiacevole inconveniente della “polvere” (che non è polvere). In pratica qualcosa che sta dentro la macchina si sfalda e finisce sul sensore, costringendo i possessori a frequenti invii in assistenza dove il problema NON viene risolto.
L’atteggiamento di Nikon nell’affrontare questo problema è di abbandono totale nei confronti della clientela (non me ne faccio un cazzo se mi pulisci la macchina ma non mi risolvi il problema) e oltre ad essere ingiustificabile da un’azienda di questo calibro sfiora il dilettantismo. Non accade su tutti gli esemplari ma la percentuale dei possessori che ne lamentano il problema è allarmante. Ancora più allarmante è il silenzio mantenuto da Nikon sulla vicenda che lascia i potenziali acquirenti nell’indecisione più totale.

Conclusioni:
Sono due macchine che ricoprono la stessa fascia, ma con impieghi differenti. Per cerimonie o fotografie non eccessivamente dinamiche (vedi sport particolarmente veloci) la 6d risulta più semplice, intuitiva e facile da gestire, senza per questo dover rinunciare a niente. Perfetta per chi scatta in condizioni di luce davvero molto difficile, quali eventi live.

La Nikon d600 invece risulta leggermente più completa, rifinita forse leggermente meglio e più versatile anche in condizioni di sport o natura ma porta con se il fardello della sporcizia che si deposita sul sensore. Questo determina un handicap enorme al momento della decisione e fino a che Nikon non dichiarerà risolto il problema e finchè la comunità non dichiarerà rientrato l’allarme (Nikon può dichiarare quello che vuole, che poi sia vero me lo deve dire chi i soldi li spende) se lo porterà dietro.

Come sempre non c’è un vincitore, perché dipende molto da cosa uno se ne fa: io ad esempio non ho parlato dei video perché non li faccio.
Ognuna delle due macchine ha punti di forza che l’altra non ha e dove una eccelle l’altra segna il passo e viceversa.
Personalmente sono passato dalla d600 alla 6d perché il problema della sporcizia ha colpito anche me e dopo 3 invii non ho avuto miglioramenti, ma mi stavo trovando in mano una macchina che già oggi ha un valore crollato sull’usato, quindi prima che fosse tardi l’ho restituita e l’ho cambiata con una 6d. Non facendo io fotografia sportiva ma al contrario facendo eventi, cerimonie e live devo dire che ho fatto un cambio per me migliorativo, ma questo ovviamente non può valere per tutti.

Annunci

6 pensieri su “Canon 6D VS Nikon D600

  1. Davvero impressionante la tua critica…. ne farò tesoro dato che dovrò acquistare una macchina fotografica da sfruttare per ritrarre soggetti e non paesaggi. Peccato per Nikon (e per me) poiché questo comporta il dover rinnovare il parco obiettivi…. prevedo un bel sacrificio (economico)

    1. Ciao Agostino. In realtà dopo ben 1 anno il problema sembra essere stato risolto da NIkon, che l’ha fatto commercializzando un’altra macchina. La d610. Se trovi una d600 usata e dovesse avere il problema la puoi mandare in assistenza (assicurati che sia in garanzia) e sostituiscono l’otturatore. Quindi direi che se hai già ottiche nikon che coprono il pieno formato ti consiglio di andare su una d600.
      Sandro Chiozzi

  2. Ciao anche io vorrei passare ad una delle due full frame e considerando che fotografo un po’ di tutto , prediligo le persone,tramonti,qualche concerto,pochissimo sport,quale potrebbe essere la più indicata per me ? Una cosa importante è che le foto nel complesso siano più nitide

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...